sabato 18 maggio 2013

Torta superciocco e pere, il secondo incontro in cucina e sosteniamo Radio Popolare

Lo scorso martedì c'è stata la seconda serata del corso di cucina, o meglio il secondo incontro in cucina, come lo chiamo io.
E' stata anche questa una bella serata, non fosse stato per la maionese che per la prima volta in vita mia ha deciso di impazzire... Ma per fortuna c'era Superdonna Liliana che con la sua esperienza ha insistito per farmi riprovare a rifarla utilizzando parte del composto impazzito e alla fine la maionese è riuscita, devo dire anche molto bene!
Il menù per la serata comprendeva: 
Tortino di quinoa piccante con crema di zucchine al basilico, Luca ne ha mangiato un sacco!
Hummus di ceci andato a ruba e maionese senza uova "impazzita ma rinsavita" con cruditè di verdure.
Vellutata di spinaci con gremolada di scorza di limone e mandorle tostate e per finire questa torta supercioccolato e pere! Mannaggia al forno a gas che non ha dato il meglio nella cottura della torta... Invece cotta nel forno elettrico è una meraviglia.



Ingredienti:

270 gr di farina integrale o tipo 2
100 gr di amido di mais
100 gr di zucchero
80 gr di mandorle
350 gr di cioccolato fondente
2 pere
600 ml di latte di mandorla
1 busta di cremortartaro

Mettere le mandorle nel bicchiere del tritatutto con 2 cucchiai di farina e tritare fino a ridurle in polvere, i due cucchiai di farina servono per assorbire l'umidità e fare in modo che le mandorle non si attacchino alle pareti del tritatutto.
In una ciotola unire quindi la farina di mandorle, la farina integrale, l'amido di mais, lo zucchero e il cremortartaro e miscelateli bene. Unire quindi il cioccolato che avrete fatto fondere a bagnomaria con parte del latte di mandorle e il restante e mescolare bene.
Versare metà dell'impasto in una teglia ricoperta di carta da forno, aggiungere le pere che avrete sbucciato e tagliato a pezzettini, poi ricoprire con il restante impasto.
Infornare a forno caldo per 40/45 minuti a 200°.

Vi lascio con l'ascolto di questo pezzo di Remo Anzovino, pianista che ho recentemente scoperto in un concerto per la campagna di sottoscrizione "Bella e Possibile" di Radio Popolare in sostegno di una radio che crede in un modo diverso di fare informazione cultura e intratenimento.






4 commenti: